Strumenti di ricerca

Il catalogo della biblioteca Fumi di Orvieto è consultabile on-line nell'ambito del Sistema bibliotecario umbro.

vai al sito del comune di Orvieto

Menù

Biblioteca Fumi di Orvieto
Informazioni Utili
Nuova Biblioteca Pubblica
Luigi Fumi

P.zza Febei, 1
05018 Orvieto TR


biblioteca@comune.orvieto.tr.it
www.bibliotecaorvieto.it
Tel.  0763-306450
Fax. 0763-306379

Biblioteca Fumi di Orvieto

La Nuova Biblioteca Pubblica Luigi Fumi è stata inuagurata il 28 febbraio 2009, dopo in trasferimento in Piazza Febei, dalla storica sede di Piazza Ippolito Scalza.

La biblioteca è ospitata dal complesso di San Francesco, un ex-convento di 2700 mq.

Non è cambiata solo l’ubicazione, sono cambiate radicalmente anche la fisionomia e la mission del servizio, il cui asse si sposta dall’originaria vocazione conservativa (che pure permane) a quella di pubblica lettura. La Nuova Biblioteca è stata concepita e realizzata come luogo di comunicazione e di partecipazione, e dunque è fortemente caratterizzata dall’ingresso delle nuove tecnologie. Gli utenti hanno facilmente accesso a tutte le fonti e strumenti di studio, promozione e produzione della conoscenza (cartaceo, on-line e off-line).

 

La Nuova Biblioteca di Orvieto, mediante le raccolte e i servizi di cui dispone, si propone di

  • rispondere  al bisogno di informazione, cultura, formazione permanente, impiego del tempo libero, integrazione delle culture della comunità cittadina;
  • essere un centro dinamico di approfondimento e comunicazione, un luogo di studio e aggregazione socio-culturale la cui organizzazione e gestione è ispirata ai principi di uguaglianza, imparzialità, continuità, accessibilità e partecipazione;
  • documentare, nella continua evoluzione, la vita della comunità di riferimento;
  • promuovere lo studio e la ricerca attraverso la raccolta storica;
  • promuovere l’accesso alle nuove tecnologie dell’informazione e l’uso delle risorse elettroniche;
  • favorire le relazioni interpersonali e accrescere le occasioni d’incontro;
  • combattere ogni forma di esclusione e valorizzare le “diversità”.