Strumenti di ricerca

Il catalogo della biblioteca Fumi di Orvieto è consultabile on-line nell'ambito del Sistema bibliotecario umbro.

vai al sito del comune di Orvieto

Quale sarà il tuo verso?

Nel mese di marzo appena trascorso, in vista della Giornata internazionale della poesia che si celebra il giorno 21, la Nuova biblioteca pubblica Luigi Fumi ha rinnovato per il terzo anno consecutivo l'invito, aperto a tutti, a partecipare al contest poetico

Quale sarà il tuo verso?

L’iniziativa prende a prestito il nome dai celebri versi di Walt Whitman e dalla voce dell’indimenticabile professor Keating ne L’attimo fuggente

«Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
che il potente spettacolo continua
e che tu puoi contribuire con un verso».

Walt Whitman

Quale sarà il tuo verso? Chiedeva Keating ai suoi studenti. Allo stesso modo abbiamo provato a fare noi: quale sarà il vostro verso?
E il potente spettacolo di chi ha voluto rispondere a questo interrogativo ha continuato a sorprenderci ed emozionarci.

In tanti ci avete inviato i versi che più vi stanno a cuore, una poesia inedita che da tempo aspettava, nella penna o nel cassetto, una via d'uscita, la fotografia di una pagina tante volte riletta o del taccuino sul quale si annotano le emozioni, per fermarle o dar loro una forma, dedicando una poesia a una persona cara o a una figura ispiratrice. Alcuni di noi hanno partecipato leggendo o recitando in video una poesia: anche questi contributi sono qui trascritti.

Abbiano accolto anche un pensiero in prosa, perché ci sembra che la parola poetica non conosca confini di metrica e di definizioni.
Siamo particolarmente felici poi che la Biblioteca comunale Abate Alano di Fara in Sabina abbia accolto con entusiasmo e generosità la nostra iniziativa, facendola propria e in qualche modo adottandola. Grazie agli utenti e ai bibliotecari di Fara in Sabina per la loro generosa partecipazione!

«Comunicare è da insetti: esprimerci ci riguarda», così il filosofo Manlio Sgalambro, nel film Perduto Amor dell'amico Franco Battiato.
E siamo convinti che nel nostro tempo, così tanto segnato, e spesso afflitto, dalle forme veloci e talvolta vuote della comunicazione, il bisogno di esprimersi sia più che mai vivo: una brace accesa sotto il velo a volte cinereo della fretta e del fare.
In questo senso la poesia resta, ieri, oggi e domani, un territorio e un tempo salvifico. Una forma di espressione primaria e universale, un linguaggio trasversale e alla portata di tutti, in ogni età della vita e in ogni situazione esistenziale e materiale.

Di seguito la raccolta 2024 di Quale sarà il tuo verso?
Grazie di cuore a tutti coloro che hanno contribuito offrendoci anche quest'anno un affresco poetico che ci commuove, un mosaico collettivo in versi attraverso il quale possiamo forse intuire la dimensione emotiva, meno visibile, ma non meno essenziale e significativa, dei nostri vissuti quotidiani.
Il pane. E le rose.